Barolo Conterno

Barolo Conterno: storia e origine

Barolo Conterno: storia e origine

8 Recensioni analizzate.
1
Barolo Serralunga d'Alba DOCG Fontanafredda 2018 1 ℓ, Astucciato
Barolo Serralunga d'Alba DOCG Fontanafredda 2018 1 ℓ, Astucciato
2
Barolo DOCG 2017 - Vinae Sens - Comune di La Morra
Barolo DOCG 2017 - Vinae Sens - Comune di La Morra
3
Barolo Cerretta Giacomo Conterno 2012
Barolo Cerretta Giacomo Conterno 2012
4
Barolo BUSSIA COLONNELLO 2014 Aldo Conterno
Barolo BUSSIA COLONNELLO 2014 Aldo Conterno
5
Barolo BUSSIA CICALA 2000 Aldo Conterno
Barolo BUSSIA CICALA 2000 Aldo Conterno
6
Barolo VIGNA DEL GRIS 2014 Conterno Fantino
Barolo VIGNA DEL GRIS 2014 Conterno Fantino
7
ALDO CONTERNO Romirasco Barolo 2017 Magnum
ALDO CONTERNO Romirasco Barolo 2017 Magnum
8
GIACOMO CONTERNO Cerretta Barolo 2017
GIACOMO CONTERNO Cerretta Barolo 2017
9
ALDO CONTERNO Colonnello Barolo 2017
ALDO CONTERNO Colonnello Barolo 2017
10
Giacomo Conterno Barolo Arione 2017 Magnum
Giacomo Conterno Barolo Arione 2017 Magnum

Il Barolo Conterno: il vino più apprezzato dai veri intenditori

Chiunque abbia anche solo un minimo interesse per il mondo del vino, conosce il Barolo Conterno. Questo vino rappresenta una vera e propria icona delle Langhe, la regione del Piemonte che da sempre è stata sinonimo di eccellenza enologica.

Ma cosa rende così speciale questo Barolo? Per capire bisogna partire dall’azienda che lo produce, la Poderi Aldo Conterno. Fondata nel 1969 da Aldo Conterno e gestita oggi dai suoi tre figli Franco, Stefano e Giacomo, l’azienda rappresenta una vera e propria istituzione nel panorama vitivinicolo italiano.

La filosofia degli Aldo Conterno è sempre stata quella di valorizzare il terroir, ovvero il territorio in cui le viti crescono. Per questo motivo, i loro vigneti si trovano tutti nelle zone più vocate per la produzione di Barolo, come la famosa Bussia.

Ma torniamo al vino. Il Barolo Conterno è un vino davvero unico, dal carattere potente e deciso. Al naso si possono percepire note di frutta rossa matura, come ciliegie e prugne, e spezie dolci come la cannella. In bocca è un vino strutturato e complesso, con tannini ben presenti ma morbidi e setosi.

Il Barolo Conterno è un vino che richiede un po’ di pazienza e di attenzione. Va decantato per alcune ore prima di essere servito, per permettere alle sue note di aprirsi al meglio. Inoltre, è un vino che ha bisogno di essere accompagnato da piatti altrettanto importanti e corposi, come un brasato o una tagliata di manzo.

Ma non c’è solo il Barolo Conterno “base”. L’azienda propone anche altre etichette, come il Barolo Cicala e il Barolo Romirasco, che rappresentano un’ulteriore evoluzione del loro stile di produzione.

Insomma, il Barolo Conterno è un vino che rappresenta il massimo dell’eccellenza enologica italiana. Se siete amanti del vino e non avete ancora avuto la fortuna di assaggiarlo, non perdete l’occasione di farlo al più presto. E se siete già dei suoi estimatori, sapete di avere tra le mani un vero tesoro.

Proposte alternative e altri vini

Certo, ecco una selezione di quattro vini rossi che possono soddisfare i palati degli appassionati di vini:

1. Barolo Riserva: Un grande classico del Piemonte, il Barolo Riserva è un vino di grande struttura e complessità. Generalmente prodotto con uve Nebbiolo, il Barolo Riserva ha un colore rubino intenso e un bouquet aromatico di frutti rossi maturi, spezie, vaniglia e tabacco. Al palato è un vino molto robusto e tannico, con una forte personalità e una lunga persistenza.

2. Chianti Classico Riserva: Uno dei vini più famosi dell’Italia, il Chianti Classico Riserva è prodotto principalmente nella regione della Toscana. Si tratta di un vino dal colore rosso rubino intenso, con un aroma di frutti neri, spezie e legno di rovere. Al palato è un vino molto equilibrato e armonico, con una buona acidità e tannini morbidi.

3. Amarone: Prodotto nella regione del Veneto, l’Amarone è un vino dal colore intenso e un aroma di frutta secca, spezie e vaniglia. Al palato è un vino molto corposo e concentrato, con una lunga persistenza e un sapore di frutta matura, cioccolato e caffè.

4. Barbaresco: Anche questo vino è prodotto con uve Nebbiolo nella regione del Piemonte. Il Barbaresco ha un colore rosso granato intenso e un bouquet aromatico di frutti rossi, spezie e tabacco. Al palato è un vino molto elegante e raffinato, con tannini morbidi e una buona acidità.

Ognuno di questi vini ha la sua personalità unica, ma tutti e quattro sono perfetti per un pubblico di appassionati di vini alla ricerca di esperienze sensoriali straordinarie.

Barolo Conterno: abbinamenti e consigli

Il Barolo Conterno è uno dei vini più prestigiosi del Piemonte, noto per il suo carattere potente e deciso. Questo vino richiede abbinamenti altrettanto importanti e corposi, come ad esempio:

– Brasato di manzo: il Brasato di manzo è un piatto tradizionale della cucina piemontese, in cui la carne viene cotta a lungo con vino rosso e aromi. Il Barolo Conterno è un accompagnamento perfetto per questo piatto, poiché le sue note di frutta rossa matura e spezie dolci si sposano bene con il sapore intenso della carne.

– Tagliata di manzo: la Tagliata di manzo è un piatto di carne alla griglia servito con verdure e condimenti. Il Barolo Conterno è un ottimo abbinamento per questo piatto, poiché la sua struttura tannica ben presente ma morbida, si sposa bene con la carne rossa.

– Formaggi stagionati: i Formaggi stagionati sono un altro abbinamento ideale per il Barolo Conterno. In particolare, i formaggi con una forte personalità, come il Parmigiano Reggiano e il Pecorino stagionato, si sposano bene con le note speziate e le tannicità del vino.

– Tartufo: il Tartufo è un ingrediente di grande pregio nella cucina italiana, noto per il suo aroma e il suo sapore intenso. Il Barolo Conterno è un ottimo abbinamento per i piatti a base di tartufo, poiché le sue note di spezie dolci si sposano bene con l’aroma della tartufi.

In generale, il Barolo Conterno si abbina bene con piatti complessi, ricchi di sapori e aromi intensi, come i piatti della cucina tradizionale piemontese. La sua struttura tannica ben presente ma morbida, si sposa bene con i sapori corposi e la sua complessità aromatica lo rende un vino ideale per accompagnare i piatti più pregiati della cucina italiana.